Zona Rossa da lunedì 15 marzo

15 Marzo 2021
Tipo articolo: 

Tutta la Lombardia passa in zona rossa da lunedì 15 marzo. 

Non ci si può muovere liberamente: tutti gli spostamenti devono essere giustificati da comprovati motivi di lavoro, salute o necessità (anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma); oppure il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute. Anche gli spostamenti entro il proprio Comune devono essere giustificati.

Le scuole restano chiuse. E prevista la sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi, le scuole dell’infanzia ed elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. 

È possibile fare "rientro" alla propria residenza, domicilio o abitazione, senza prevedere più alcuna limitazione rispetto alle cosiddette "seconde case". Pertanto, proprio perché si tratta di una possibilità limitata al "rientro", è possibile raggiungere le seconde case, anche in un'altra Regione o Provincia autonoma (e anche da o verso le zone “arancione” o “rossa”), solo a coloro che possano comprovare di avere effettivamente avuto titolo per recarsi nello stesso immobile anteriormente all’entrata in vigore del Decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2. La casa di destinazione non deve essere abitata da persone non appartenenti al nucleo familiare convivente con l’avente titolo, e vi si può recare unicamente tale nucleo.  

Chiusi i barbieri, parrucchieri e centri estetici 

In zona rossa sono vietate visite a parenti e amici. È possibile portare i figli dai nonni anche se è fortemente sconsigliato. Lo spostamento è ammesso solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore. Ove possibile, è assolutamente da preferire che i figli rimangano a casa con uno dei due genitori che usufruiscono di modalità di lavoro agile o di congedi. 

Bar e ristoranti chiusi: resta consentito l'asporto o il delivery. Potranno fare vendita da asporto dalle 5 alle 18 senza restrizioni e dalle 18 alle 22 solo per i ristoranti. La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

Tutti i negozi, ad eccezione di quelli che vendono beni di prima necessità, resteranno chiusi.

Con la zona rossa si può praticare sport all'aria aperta ma solo in forma individuale. Gli amanti della corsa e della bicicletta potranno uscire e correre/pedalare ma dovranno farlo in solitaria (e a due metri da tutte le altre persone). L'attività motoria è consentita solo nei pressi della propria abitazione. Sono vietati giochi di squadra o attività di gruppo.